Forlì Open Music – D’Istante
Si terrà il 5 e 6 dicembre all’ex Chiesa di San Giacomo il festival Forlì Open Music, festival organizzato da Area Sismica che, fin da subito, si è distinto dentro e fuori i confini nazionali per la sua trasversalità rispetto ai vari mondi musicali.

Il programma:

Sabato 5 dicembre

21.00
Francesco Dillon & Emanuele Torquati
violoncello, pianoforte
Daniela Terranova – Variazioni sul bianco (2019)
Salvatore Sciarrino – Melencolia 1 (1980-1982)
Claude Debussy – Sonata (1915)

21.45
Manuel Zurria
flauti, elettroniche
Claude Debussy – Syrinx (1913)
Riccardo Nova – Mantras 1 (2008)
Ricardas Kabelis – Kalno Sutartine n.7 (2015)

22.30
Fabrizio Ottaviucci
pianoforte
performance improvvisata

Domenica 6 dicembre

10.00
conduction di Elio Martusciello con studenti istituti musicali forlivesi

11.30
conversazione/concerto Fabrizio Ottaviucci
“L’evoluzione del linguaggio musicale: il Novecento”

16:45
Ciro Longobardi
pianoforte
Luigi Nono – …Sofferte Onde Serene… (1976) per pianoforte e nastro magnetico
Luc Ferrari – Exercises d’Improvisation N.1 (1977) per suoni preregistrati e pianoforte, nuova versione
Claude Debussy – Estampes (1903)
Pagodes
La soirée dans Grenade
Jardins sous la pluie.

17.30
Micheal Pisaro-Liu, Enrico Malatesta
Pisaro-Liu: fixed electronics
E.Malatesta: percussioni
Michael Pisaro-Liu – Manifold for Malatesta (2020) > prima mondiale <

18.15
Sidera Sax Quartet
Gianpaolo Antongirolami: sax soprano
Michele Selva: sax alto
Michele Bianchini: sax tenore
Daniele Berdini: sax baritono

Stefano Scodanibbio – Plaza (2001) > prima mondiale < versione dell’autore per quattro sassofoni soprani ultimata da G. Antongirolami
Claude Debussy – Animé et très décidé da Quatuor op. 10  (1893)
Stefano Scodanibbio – Lucida Sidera (2004) – versione dell’autore per quattro sassofoni soprani
Franco Donatoni – Rasch (1990)

19.00
Elio Martusciello
elettroniche
performance improvvisata

19.45
Alexander Hawkins
pianoforte
performance improvvisata

>>> Lungo il Forlì Open Music sarà installata la mostra del fotografo Pietro Bandini <<<